Regione Lazio: nuovo bond da 200 milioni e ristrutturazione della cartolarizzazione Cartesio. Gli studi

Freshfields Bruckhaus Deringer ha assistito Regione Lazio in un’emissione obbligazionaria a tasso variabile per un importo complessivo di circa 203 milioni di euro finalizzato alla ristrutturazione delle tranche 1 e 5 del programma di cartolarizzazione dei crediti sanitari intrapreso nel 2003 per originari 2 miliardi di euro dalla società veicolo Cartesio.

I titoli obbligazionari – sottoscritti per intero da Dexia Crediop – sono stati oggetto di rating da parte di Fitch Ratings e quotati alla Borsa del Lussemburgo.

L’operazione si inquadra in un più ampio programma intrapreso dalla Regione Lazio di ristrutturazione delle proprie passività regionali connesse alla prestazione di servizi sanitari, che consentiranno il riscatto anticipato a titolo non oneroso da parte di alcuni enti sanitari del patrimonio immobiliare originariamente conferito a San.Im nell’ambito del sopra richiamato programma di cartolarizzazione.

Il team multidisciplinare di Freshfields che ha curato l’operazione è stato coordinato dal partner Francesco Lombardo (nella foto) con il supporto del counsel Giuliano Marzi, coadiuvati dall’associate Claudia Cavalli e da Marco Colombo per gli aspetti finance e dal senior associate Toni Marciante con l’associate Costanza Cascone per i profili fiscali dell’operazione. Gli aspetti di diritto inglese dell’emissione del bond sono stati seguiti dalla counsel Helen Jones dell’ufficio di Londra. Dexia Crediop è stata assistita dai legali interni, Raffaella Piva e Valeria Vitucci.

Nella ristrutturazione dell’operazione di cartolarizzazione, Linklaters ha assistito il noteholder FMS Wertmanagement, assistito dal legale interno Navid Kater, con un team guidato dal counsel William Cresswell e dal managing associate Lorenzo Dal Canto, mentre per il veicolo Cartesio ha agito Susanna Beltramo dello studio legale Beltramo.

redazione@lcpublishinggroup.it

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram