lunedì 26 ago 2019
HomeCorporate M&AGli studi nell’acquisizione di Forgital da parte di Carlyle

Gli studi nell’acquisizione di Forgital da parte di Carlyle

Gli studi nell’acquisizione di Forgital da parte di Carlyle

 Latham & Watkins ha assistito The Carlyle Group nella sottoscrizione di un accordo per l’acquisizione dell’intero capitale sociale di Forgital, società attiva nella produzione lavorata di componenti per il settore aerospaziale e altri settori industriali, per un valore complessivo di circa 1 miliardo di euro. La società venditrice è stata assistita da Zulli Tabanelli e Associati, Carnelutti e Gatti Pavesi Bianchi.

Lo studio legale Jacobacci & Associati, con Francesca Bego Ghina, ha fornito assistenza in merito agli aspetti IP dell’operazione.

Fondata a Vicenza nel 1873, Forgital è attiva nella lavorazione di anelli laminati per la produzione di componenti applicate a diversi settori industriali. La crescita internazionale della società, già presente con nove impianti e 1.100 impiegati distribuiti in Italia, Francia e Stati Uniti, sarà ulteriormente supportata da The Carlyle Group, grazie a una piattaforma globale e all’expertise nel settore aerospaziale e industriale.

Il perfezionamento dell’operazione, soggetto alle consuete approvazioni da parte delle autorità competenti, è atteso nella seconda metà del 2019.

The Carlyle Group è stato assistito da Latham & Watkins e KPMG.

Latham & Watkins ha agito con un team guidato da Stefano Sciolla (nella foto) e composto da Giancarlo D’Ambrosio, Giovanni Spedicato, Andrea Stincardini, Marco Martino e Nadia Campanella per i profili corporate, da Marcello Bragliani, Jeff Lawlis, Alessia De Coppi, Paolo Bernasconi, Erika Brini Raimondi, Maria Cristina Grechi e Francesco Mozzone per gli aspetti relativi al finanziamento dell’acquisizione. I profili antitrust sono stati curati da Luca Crocco.

Gli azionisti di maggioranza di Forgital, Finspe e CLC International – facenti capo alle famiglie di Nadir, Roberto e Giorgio Spezzapria – sono stati assistiti per gli aspetti legali da Gatti Pavesi Bianchi con un team composto da Carlo Pavesi, Giorgio Groppi e Vittorio Cavajoni nonché per gli aspetti finanziari da Claudio Zulli e Ugo Albini (Zulli Tabanelli e Associati) e da Mile Perris e Linda Stefenelli (Carnelutti Studio Legale Associato).

l’azionista Steel di Luciano Spezzapria e C., controllata da Luciano, Carlo e Guido Spezzapria, titolare di circa il 23% del capitale, è stata assistita dagli studi legali Doria & Associati, con il partner Guido Doria e Giuliamaria Taffelli, e junior partner Giovanni Cuter, nonché dallo studio legale Dal Ben Maulucci, con il partner Marco Antonio Dal Ben.

Fondo Italiano di Investimento, attraverso il suo gestore Neuberger Berman AIFM Limited, è stato assistito da Gatti Pavesi Bianchi con Gianni Martoglia, Silvia Palazzetti e Lorenzo Stellini.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.