venerdì 27 nov 2020
HomeCorporate M&ANctm e Pwc con Idea Taste of Italy per il 22,5% di Botter

Nctm e Pwc con Idea Taste of Italy per il 22,5% di Botter

Nctm e Pwc con Idea Taste of Italy per il 22,5% di Botter

IDeA Taste of Italy, fondo italiano specializzato nel settore agroalimentare gestito da DeA Capital Alternative Funds SGR, ha investito in Casa Vinicola Botter S.p.A.

IDeA Taste of Italy è stata assistita nell’operazione dall’avvocato Pietro Zanoni (nella foto) dello studio legale NCTM e da Emanuela Pettenò di PWC; la famiglia Botter è stata assistita dall’avvocato Francesco Adami dello studio legale Palmer e da Giorgio Beltrame dello studio Studium Professionisti d’Impresa Beltrame e Depieri Associati.

Casa Vinicola Botter è stata fondata nel 1928 da Carlo Botter a Fossalta di Piave. Oggi è la settima azienda Italiana in termini di fatturato per la produzione di vino. Nel 2017 Casa Vinicola Botter ha venduto circa 86 milioni di bottiglie e ha realizzato un fatturato di circa 180 milioni di euro e un Ebitda di circa 24 milioni di euro, servendo le più importanti catene distributive internazionali con un ampio portafoglio di vini che abbraccia le principali regioni e denominazioni italiane con focus su Prosecco, Pinot Grigio e Primitivo.

Negli ultimi dieci anni l’azienda è cresciuta costantemente, riuscendo a triplicare il proprio fatturato e accreditandosi come il più dinamico, innovativo ed efficiente operatore italiano del vino. Nell’indagine sul Settore Vinicolo Italiano 2017 curata da Mediobanca, la Società si è classificata al primo posto, sia per propensione all’export (che incide per circa il 97% del fatturato), sia per performance economicopatrimoniali.

Il progetto di investimento di IDeA Taste of Italy nella compagine sociale è in linea con la volontà della famiglia Botter di accelerare ulteriormente la crescita del business nei mercati esteri, in particolare Stati Uniti e Cina, con l’obiettivo di raggiungere la quotazione in Borsa nel medio periodo.

Annalisa, Alessandro e Luca Botter, esponenti della 3° generazione della famiglia, mantengono una quota di controllo della Società, continuando a gestire l’azienda, mentre il fondo IDeA Taste of Italy, con la propria partecipazione del 22,5%, supporterà una strategia di acquisizioni mirate in Italia.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.