Legal design, Accenture vara la sperimentazione sui contratti

Prendete un contratto tradizionale e datelo a un non addetto ai lavori. Certamente sarà in grado di comprendere quello che c’è scritto, ma troverà ostici alcuni passaggi oltreché faticosa la lettura del testo integrale. Provate invece a dargli un contratto “smart” – e cioè un prodotto riscritto da legali e professionisti del marketing secondo i canoni del legal design (la disciplina che semplifica i contenuti legali rendendoli più chiari e comprensibili: clicca qui e approfondisci) – e vedrete che sicuramente saprà riconoscere molto più facilmente quali siano i suoi doveri e diritti.

È un esperimento questo, che la direzione legale di Accenture, guidata dal market unit legal director per Italia, Europa Centrale e Grecia (ICEG) Giovanni Frugiuele e dalla responsabile del contract management Francesca Bartorilla, sta conducendo al momento sui cosiddetti clienti interni (partner e manager del business).

Le premesse 

«Una parte fondamentale del lavoro del contract manager, e più in generale del legale in azienda – racconta a MAG Frugiuele illustrando la premessa alla base del progetto smart contracts – è spiegare al business il contenuto dei contratti. Questo perché ogni accordo prevede una serie di obbligazioni che le persone che offrono i servizi ai clienti devono conoscere. Visto che la terminologia usata e l’interpretazione della documentazione non sono banali per chi non fa il legale di professione, stiamo provando a rendere i contratti più comprensibili ai colleghi: semplificandoli dai tecnicismi e utilizzando un linguaggio più simile a quello di chi fa business, più commerciale e pratico».

Il progetto 

Il progetto, che ha mosso i primi passi a inizio estate e che si concretizzerà nelle prossime settimane, coinvolge un team di lavoro in house di dieci persone, che sta lavorando a quattro mani con IACCM (International Association for Contract & Commercial Management). Il coinvolgimento di designer esperti dell’associazione internazionale dei contract manager serve a «cercare una modalità di comunicazione nuova e più efficace fatta di immagini, grafici e icone che rendono ancora più immediata la comprensione delle aspettative e dei rischi connessi ai contratti», dice Bartorilla. 

Una volta che i contratti saranno stati riscritti in modo “intelligente”, tutta la squadra di contract manager di Accenture, composta da 70 persone, sarà poi direttamente coinvolta nelle attività di formazione destinate al business.

L’iniziativa riguarda al momento la semplificazione di circa 300 contratti di…

PER PROSEGUIRE LA LETTURA CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Legal design, Accenture vara la sperimentazione sui contratti

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram