mercoledì 21 nov 2018
HomeScenariIBA: un’avvocata su due vittima di bullismo, una su tre di molestie sessuali

IBA: un’avvocata su due vittima di bullismo, una su tre di molestie sessuali

IBA: un’avvocata su due vittima di bullismo, una su tre di molestie sessuali

di rosailaria iaquinta

 

Bullismo e molestie sul lavoro. La professione forense non è esente da questi fenomeni. Anzi.

Un’avvocata su due e un avvocato su tre sono vittime di episodi di bullismo (43%). Mentre una professionista su tre e un suo collega uomo su quindici è stato molestato sessualmente (25%).

A rivelarlo sono i numeri preliminari del sondaggio lanciato dall’International Bar Association (IBA)per verificare la presenza di bullismo e molestie sessuali nella professionea cui è possibile rispondere, in forma anonima e in ben sei lingue, fino al 26 ottobre. I primi esiti della ricerca, presentati in occasione della conferenza annuale che si è tenuta a Roma dal 7 al 12 ottobre scorso, riguardano ben oltre 5mila avvocati di 120 giurisdizioni.

Nel 57% dei casi, il comportamento di bullismo ricevuto non è stato segnalato, una percentuale che sale al 78% per le molestie. Tra le ragioni addotte per la mancata segnalazione c’è il profilo/lo stato del perpetratore, il timore di ripercussioni su di sé o sulla propria carriera e la mancanza di fiducia nei protocolli che regolano questi comportamenti.

Per le vittime di queste spiacevoli condotte che hanno invece deciso di segnalare l’accaduto cosa è cambiato? Nel 71% dei casi i professionisti che hanno subito episodi di bullismo hanno dichiarato che la risposta è stata “insufficiente o trascurabile”. Nel 76% dei casi, il perpetratore non è stato sanzionato, mentre il 66% delle volte la situazione è rimasta invariata o, si è addirittura, esacerbata.

La situazione non cambia analizzando le risposte date dalle vittime di molestie che hanno denunciato i fatti all’interno della propria organizzazione. Il 65% di queste ritiene che la risposta data è stata “insufficiente o trascurabile”. I molestatori non sono stati sanzionati nel 73% delle occasioni, e la situazione è rimasta la stessa o è peggiorata per il 53% dei segnalatori.

Non a caso poi questi episodi hanno contribuito all’uscita dallo studio legale o all’intenzione di lasciare il proprio posto di lavoro. Una circostanza che si è verificata per il 62% dei “bullizzati” e il 36% dei molestati.

«Sapevamo già che la nostra realtà professionale non è immune da comportamenti di tal genere –ha commentato a MAG Barbara De Muro responsabile di Asla Women (la sezione dell’associazione degli studi legali Asla che segue le tematiche professionali delle pari opportunità nell’avvocatura, ndr) e avvocata di Lca –Certo, se la diffusione e la frequenza del fenomeno negli studi legali italiani dovessero essere simili a quelle risultanti dai primi dati del sondaggio IBA saremmo di fronte a una situazione gravissima, che richiederà da parte di studi legali e istituzioni forensi la pronta applicazione di misure efficaci volte a creare ambienti di lavoro più rispettosi e l’adozione di severi provvedimenti sanzionatori nei confronti dei responsabili di atti di bullismo e di molestie sessuali, che non devono in alcun modo essere tollerati. ASLAWomen anche questa volta farà la sua parte: manterremo alta l’attenzione, ci attiveremo per verificare la situazione negli studi legali membri e, nel frattempo, continueremo con le nostre iniziative pro-inclusione, rimanendo a disposizione di tutti i colleghi e le colleghe che vogliano denunciare questi spregevoli atti».

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.