Gop, Nctm e Pedersoli nell’accordo tra Vodafone, Tim e Inwit

Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners – Gop e Nctm hanno affiancato, rispettivamente, Tim e Vodafone nell’accordo per la condivisione della componente attiva della rete 5G, la condivisione degli apparati attivi della rete 4G e l’ampliamento dell’attuale accordo di condivisione delle infrastrutture di rete passive.

L’accordo prevede l’integrazione delle infrastrutture passive di rete di Inwit e Vodafone, grazie all’incorporazione da parte di Inwit delle torri di Vodafone Italia (Vodafone Towers), dando vita a una Towerco da 22.000 torri, che sarà controllata congiuntamente da Tim e Vodafone, con una partecipazione paritetica. Nel progetto, Inwit è stata assistita da Pedersoli Studio Legale.

Gop ha assistito Tim con un team coordinato dai partner Francesco Gianni (nella foto a destra) e Alfredo D’Aniello, coadiuvati dall’of counsel Giulia Staderini, i counsel Chiara Gianni e Filippo Ughi, con le associate Lavinia Bertini e Caterina Pistocchi, che hanno seguito la parte m&a e i contratti commerciali. I partner Piero Fattori e Salvatore Spagnuolo hanno curato gli aspetti antitrust e l’avvocato Antonello Lirosi gli aspetti di golden powers. Dei profili tax, invece, si sono occupati i partner Luciano Acciari Fabio Chiarenza, coadiuvati dai counsel Sandro Maria Galardo e Francesca Staffieri nonché dall’associate Carmen Pisani.

Il team di Nctm è stato coordinato dagli equity partner Vittorio Noseda (nella foto a sinistra) e Matteo Trapani, coadiuvati dalla salary partner Lucia Corradi per gli aspetti corporate. L’equity partner Carlo Grignani e il salary partner Jacopo Arnaboldi hanno seguito i temi e contratti ICT, mentre l’equity partner Luca Toffoletti e il salary partner Alessandro De Stefano la parte antitrust. Infine, l’equity partner Federico Trutalli e il salary partner Andrea Mantellini si sono occupati dei profili tax e l’equity partner Alessandra Stabilini  ha curato la parte di capital markets.

Il team di Pedersoli è stato coordinato dall’equity partner Carlo Pedersoli, con l’equity partner Andrea Gandini, coadiuvati dall’equity partner Diego Riva, dalla partner Marida Zaffaroni, oltre che dalla junior partner Francesca Leverone, per il profili m&a e i contratti commerciali. L’equity partner Davide Cacchioli e il partner Alessandro Bardanzellu  hanno curato gli aspetti antitrust e golden power, mentre l’equity partner Maura Magioncalda, con il senior associate Michele Parlangeli e l’associate Giuseppe Smerlo, hanno seguito il rilascio dei binding commitments dalle banche finanziatrici. Gli aspetti amministrativi sono stati curati dal senior associate Marco Trevisan e dagli associate Rosaria Costanzo e Alessandro Zuccaro.

Allen Overy ha assistito il comitato parti correlate di Inwit, con un team coordinato dal partner Paolo Ghiglione, coadiuvato dal senior associate Marco Biallo.

Gop, Nctm e Pedersoli nell’accordo tra Vodafone, Tim e Inwit

Scrivi un Commento

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram