La newco wholesale FiberCop pienamente operativa: gli advisor del closing

FiberCop, la nuova società in cui sono confluite la rete secondaria di Tim e la rete in fibra sviluppata da FlashFiber, la joint-venture di Tim (80%) e Fastweb (20%) è pienamente operativa dal 1° aprile. È stato infatti concluso l’acquisto da parte di KKR Infrastructure del 37,5% di FiberCop per 1,8 miliardi.
La nuova società, guidata da Massimo Sarmi come presidente e Carlo Filangieri come ad, avrà un cda composto da 9 consiglieri, di cui cinque designati da Tim, tre da KKR Infrastructure e uno da Fastweb.

Chiomenti ha assistito KKR con un team guidato dal partner Franco Agopyan con il senior associate Giovanni Colantuono e l’associate Maria Grazia Mazzaglia (Corporate), con il partner Giulio Napolitano e l’associate Luca Masotto (Diritto Amministrativo – aspetti inerenti il “Golden Power”), il partner Gilberto Nava con l’associate Luca Tomazzoli (Ip, TMT e Data Protection), il partner Cristoforo Osti con l’associate Antonino Cutrupi (Antitrust), il partner Massimo Antonini con la senior associate Elisabetta Costanza Pavesi (Tax) ed il partner Marco Paruzzolo (Finance), Anna Maria Mazzoni e Umberto Placanica (Corporate). Chiomenti ha assistito KKR in collaborazione con lo studio Paul Weiss (Londra), con un team guidato dal partner Alvaro Membrillera con gli associate Anna Pollak, Adam Wollstein e Tanya Indisova.

Lo studio legale internazionale Gianni & Origoni ha assistito la direzione legale in house di Tim – guidata dal general counsel Agostino Nuzzolo e dall’head of legal wholesale & technology Gianni Venditti – con un team composto dal partner Francesco Gianni, coadiuvato dai counsel Chiara Gianni e Ludovica di Paolo Antonio e dall’of-counsel Giulia Staderini (Corporate M&A), e dai partner Piero Fattori e Salvatore Spagnuolo e l’associate Adriano Di Curzio (Antitrust). Gli aspetti banking sono stati seguiti dal partner Giuseppe De Simone e il managing associate Alessandro Magnifico (Banking). Il partner Fabio Chiarenza (Tax), coadiuvato dall’of counsel Sandro Maria Galardo, dal managing associate Francesca Staffieri e dall’associate Carmen Pisani, si è occupato degli aspetti fiscali.

EY ha assistito KKR per i servizi integrati di due diligence operational e IT, con il team guidato dal partner Giuseppe Donatelli e dal senior manager Marco Artali, di due diligence finanziaria, con il team guidato dal partner Andrea Scialpi e dai senior manager Matteo Cislaghi e Tommaso Rossi, e di due diligence fiscale e assistenza sugli aspetti fiscali dell’operazione, con un team guidato dal partner Quirino Walter Imbimbo e dal senior manager Giovanni Pistillo.

redazione@lcpublishinggroup.it

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram