venerdì 05 giu 2020
HomeScenariUncc, appello al governo: “prepararsi alla ripresa dell’attività giudiziaria”

Uncc, appello al governo: “prepararsi alla ripresa dell’attività giudiziaria”

Uncc, appello al governo: “prepararsi alla ripresa dell’attività giudiziaria”

Tramite un comunicato stampa, l’Unione Nazionale delle Camere CiviliUncc, l’associazione maggiormente rappresentativa degli avvocati civilisti italiani, ha chiesto al governo e alle istituzioni competenti “di predisporre tutte le misure necessarie perché, una volta superata la fase acuta dell’emergenza coronavirus, si possa procedere a una ripresa efficace e in piena sicurezza dell’attività giudiziaria”.

Tra le prime associazioni a muoversi per richiedere la tutela degli addetti ai lavori e dei cittadini con l’emergere dell’emergenza sanitaria, l’Uncc chiede ora che siano contemperate le esigenze di salute e di progressivo riavviamento delle attività giudiziarie.

L’associazione, in cinque punti, richiede che:

“1) sia confermato il rinvio di tutti i processi civili di primo grado e la sospensione dei relativi termini (anche, ove ritenuto, per l’instaurazione di giudizi nuovi, o di nuove fasi di quelli pendenti);

2) siano esclusi dalla sospensione quelli dichiarati urgenti dalla legge o dal giudice e quelli per i quali il giudice ritenga che la celebrazione delle udienze con la partecipazione dei Difensori non sia indispensabile, e possa essere sostituita dalla cd. trattazione scritta, nel rispetto del principio del contraddittorio;

3) sia vietata la trattazione mediante la partecipazione personale alle udienze dei Difensori, salvo in ogni caso il rispetto del diritto di difesa e del principio del contraddittorio;

4) per i soli processi urgenti, e limitatamente al periodo di durata della sospensione, l’udienza possa essere tenuta in video conferenza, (secondo i protocolli approvati in sede locale, o in subordine, il protocollo intervenuto tra CSM e CNF), salvo – anche in questo caso – il rispetto del diritto di difesa e del principio del contraddittorio;

5) cessi la sospensione di tutti i termini dei processi civili pendenti in appello e in Cassazione, con la sola esclusione di quelli in cui il Collegio, d’ufficio o su richiesta di una delle parti, dichiari (con ordinanza non impugnabile) che sia necessario celebrare un’udienza, con la partecipazione dei Difensori, o anche di terzi. Uncc richiede, infine, che tutte le richieste relative a tali processi, compresa la precisazione delle conclusioni, possano essere formulate per via telematica, e che essi possano essere assegnati a sentenza anche d’ufficio.”

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.