Software e avvocati, relazione pericolosa?

La stagione di cooperazione tra software e avvocati sfocerà nell’età della sostituzione pressoché totale degli esseri umani da parte di algoritmi e macchine più o meno intelligenti?

 

 

di nicola di molfetta

 

Può esistere una data di scadenza per una professione come quella forense? È possibile immaginare che nel giro di 20 o 30 anni il mercato veda la sostanziale estinzione di una categoria come conseguenza diretta del processo di digitalizzazione dei servizi legali e totale trasformazione del mercato in chiave di servizio? Di sicuro è ipotizzabile. Almeno secondo Richard Susskind che, come leggerete nell’intervista esclusiva che ha voluto rilasciare a Mag in occasione del suo ultimo viaggio in Italia, ritiene che la stagione di cooperazione tra software e avvocati (destinata a segnare il secondo decennio di questo nuovo secolo) sfocerà nell’età della sostituzione pressoché totale degli esseri umani da parte di algoritmi e macchine più o meno intelligenti.

La questione, indubbiamente suggestiva sebbene inquietante, trova conferma anche nei dubbi che stanno assalendo chi, nell’automazione e trasformazione del “processo produttivo dei servizi legali”, ha deciso di investire arrivando poi a interrogarsi se sia o meno il caso di percorrere l’ultimo miglio.

Un avvocato, che per ragioni di riservatezza non posso citare, mi ha confessato di avere messo a punto, con l’aiuto di tecnici ovviamente, un sistema di machine learning che potenzialmente sarebbe in grado di prendere il posto di un avvocato in quasi ogni attività che questo svolge attualmente. Procedere con l’adozione di questa tecnologia ovvero con la sua diffusione sul mercato potrebbe avere un effetto devastante. E questo dubbio lo sta spingendo a gestire con estrema cautela il processo di implementazione della macchina.

Se questa preoccupazione sia esagerata o meno, al momento, non mi è possibile dirlo. Ma la questione che tutti siamo chiamati a considerare (noi giornalisti come osservatori e voi avvocati come parti in causa) è quella della prospettiva.

Qual è la cosa che più istintivamente ci porta a dire che la tecnologia si limiterà a integrare l’attività dei giuristi, ma non potrà mai sostituirla del tutto? Secondo me è il fatto che tutti siamo convinti che l’esigenza di tutela legale non possa essere soddisfatta prescindendo dall’intervento di un avvocato. Ma, se vogliamo vederla dalla prospettiva del futurologo di Oxford, questa è una conclusione arbitraria. Determinata più che altro dalla convinzione personale che non esista l’esercizio di attività legale senza il coinvolgimento di un professionista debitamente iscritto all’albo. Condivisibile?

 

 

Io preferisco la prudenza. Un mondo senza avvocati, sebbene da tanti auspicato, credo sia abbastanza impossibile da realizzarsi persino nel caso in cui le macchine che imparano riescano a diventare protagoniste ingombranti del moderno esercizio della professione.

Il punto è che la materia trattata in ambito giuridico è viva e cangiante. E le tecnologie che apprendono da informazioni e dati preesistenti non sono in grado di gestire il nuovo o l’eccezione.
Diverso è il discorso se si considera il fabbisogno di avvocati sul mercato. Ma la questione non mi sembra legata solo alla transizione tecnologica che stiamo vivendo. Da quanti decenni sentiamo dire che in Italia ci sono “troppi avvocati”?

L’evoluzione in corso, al massimo, implicherà l’accelerazione di un processo di marginalizzazione di quei professionisti che non avranno provveduto per tempo alla creazione di un ecosistema tecno-professionale adatto a gestire la domanda di efficienza nella organizzazione e fornitura dei servizi legali imposta dal mercato.
La prospettiva di un diritto ossificato, come ha giustamente sottolineato Guido Alpa, decano dei legali italiani, discutendo l’ultima fatica letteraria di Susskind, non è credibile. Così come non è credibile uno scenario distopico in cui non ci sia più spazio per il ruolo e la funzione di giuristi in carne e ossa, legali o giudici che siano.

L’impegno a guardare il tema da punti di vista nuovi deve diventare prioritario. E in questo sì, l’approccio di Susskind mi sembra fondamentale.

Noi tendiamo a giudicare le capacità di una macchina con un metro tradizionale, decidendo se siano o meno elevate solo in base al confronto che facciamo con ciò che un avvocato è in grado di fare in più o meglio rispetto a essa. Ma si tratta di un approccio fallace, per usare un termine caro al presidente della Society for computers and law. E per guardare oltre negli studi legali ci sarà sempre più bisogno di contaminazione intellettuale e professionale.

Servirà capacità di visione. Addirittura di immaginazione. Per riuscire a rifondare una professione destinata a essere completamente ridisegnata da questo processo di radicale trasformazione imposto dalla rivoluzione  tech.

QUESTO ARTICOLO APRE IL NUOVO NUMERO DI MAG. CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA

Agorà
-PROVIDENTI ENTRA NELLA PARTNERSHIP DI CARBONETTI E ASSOCIATI
-MARCO MANCINI PARTNER DI ORRICK
-MICHELE BINDA NUOVO VICEPRESIDENTE DEI LEGAL AFFAIRS DI PRYSMIAN
-MAZARS, ROMBAUT NUOVO MANAGING PARTNER PER L’ITALIA
-GOP NOMINA QUATTRO NUOVI SOCI NON-EQUITY
-VOLKSBANK, ALBERTO NAEF NUOVO DIRETTORE GENERALE
-ALICE CARAFOLI NUOVA COMPLIANCE OFFICER ITALY DI INFRONT
-LCA, ARRIVA SCARANO COME OF COUNSEL
-VITTORIO AVERSANO ALLA GUIDA DELL’ONLINE LEGAL ENFORCEMENT DI BRANDIT
-TRIBOO, MATTEO CORNELLI NUOVO DIRETTORE FINANZIARIO
-GIULIA BASEGGIO ENTRA IN ALEXIA
-DANIELA VIAGGIO NUOVA OF COUNSEL DI EVERSHEDS SUTHERLAND
-PURI BRACCO LENZI SI RAFFORZA CON DANIELA DELFRATE E IL SUO TEAM

Il barometro del mercato
PERMIRA INDOSSA GOLDEN GOOSE
Nel frattempo, Bain entra in Engineering al posto di Apax. Ultime battute del riassetto di Banca Carige

Legal tech garage
SUSSKIND: «COMINCIA L’ETÀ DELLA TRASFORMAZIONE»
Mag incontra il professore esperto di tecnologia e avvocati. «Non dobbiamo concentrarci su come le macchine producono un risultato. Ma sul risultato». Gli studi legali? «Investono nel miglioramento del vecchio modo di lavorare invece di puntare su nuove modalità per affrontare il mercato e le sue esigenze»
di nicola di molfetta

Esclusiva
GATTI PAVESI BIANCHI,STRATEGIA MULTIPRACTICE
L’incassato 2019 supera quota 40 milioni (+11%). Si tratta del record storico per l’organizzazione che continua a crescere. Dopo l’arrivo di Canalini lo studio pensa a rafforzare la presenza su Roma
di nicola di molfetta

In agenda
PRESCRIZIONE,RESTANO I DUBBI DOPO L’INTESA
La “pace” politica all’interno della maggioranza, raggiunta grazie al Lodo Conte bis, non scioglie i nodi più delicati: è giusto rischiare di sacrificare importanti garanzie nell’intento di rendere più efficace la persecuzione dei crimini?
di giuseppe salemme

Il faccia a faccia
NARDO VS TRAVAGLIO:LAVORARE SUL PATTEGGIAMENTO
Dibattito organizzato da Italia Stato di Diritto. Posizioni distanti tra il presidente del Coa di Milano e il direttore de il Fatto Quotidiano. Ma anche punti condivisi

Focus lavoro
IL LAVORO CAMBIA: E LE REGOLE?
di francesco rotondi

I mestieri del legal
PERCHÉ È ORA DI RIBELLARSI ALL’ANTI-LINGUA LEGALE
MAG incontra Federico Fontana, interim special counsel ed esperto di comunicazione professionale. «L’avvocato 20/20 sarà chiamato a coniugare la chiarezza e il pragmatismo del problem solver all’architettura e all’estetica del legal designer»
di nicola di molfetta

Business line
UN LEGAL ANGEL DELLE START UP
Trevisan & Cuonzo vince la scommessa su 4Innovation: sono 110 le newco analizzate e 80 quelle supportate in sei anni. In Puglia avviato uno spin-off dedicato all’agribusiness
di francesca corradi

Case history
BUREAU PLATTNER, IN 100 TRA BOLZANO E MILANO
Lo studio ha appena tagliato il traguardo dei cinquant’anni di attività. Un’organizzazione di matrice tax ma che ha sviluppato tanto anche il fronte legale. Il fatturato? «A 11 milioni»
di giuseppe salemme

Sul territorio
OBERT, 125 ANNI E FOCUS SUL PENALE D’IMPRESA
Dal 1895, anno di fondazione, la guida dello studio si è tramandata di padre in figlio attraverso cinque generazioni. MAG si è fatto raccontare questa storia professionale

Diverso sarà lei
UGUAGLIANZA DI GENERE:LA CORTE DEI CONTI UE FA L’AUDIT ALLA COMMISSIONE
di ilaria iaquinta

La ricerca
IN HOUSE: SEMPRE PIÙ LEGAL OPERATIONS
I trend, l’organizzazione del lavoro e le priorità delle direzioni affari legali italiane in un’indagine condotta da MAG. Nel 2020, ad assumere nuove risorse nel legal sarà solo il 27% degli uffici
di ilaria iaquinta

In house village
GLI (IL)LEGAL GAMES DI ENEL
Il general counsel Giulio Fazio racconta a MAG come funziona la competizione tra i legali del gruppo (e non solo) che quest’anno giunge alla terza edizione
di ilaria iaquinta

Follow the money
IL CORONAVIRUS AFFONDA ANCHE IL VENTURE CAPITAL
di laura morelli

L’intervista
TSEUNG, LIONROCK: «PORTIAMO LO SPORT EUROPEO IN CINA»
Dopo l’ingresso nell’Inter, il fondo cinese vuole investire in medie aziende europee con brand forti nell’healthcare e wellness. Il coronavirus? «Non avrà impatti significativi nel lungo periodo»
di laura morelli

Sostenibilità
ESG, ECCO PERCHÉ SIAMO ANCORA IN ALTO MARE
L’80% degli asset manager tiene conto poco o nulla dei criteri Esg. E la maggior parte non ha sufficienti informazioni per integrarli nella strategia di investimento. La ricerca di Equita

Sotto la lente
BRENET, ARDIAN: «ECCO COME LA SOSTENIBILITÀ ENTRA NEI NOSTRI INVESTIMENTI»
Parla la responsabile sostenibilità della società francese. «È un must have, soprattutto se fai fundraising», dice a MAG
di laura morelli

Finanza e diritto… a parole
COCO BOND,LA SECONDA VITA DI UN’OBBLIGAZIONE
a cura di Barabino & Partners Legal

Modelli
TRANSLINK,L’ADVISORING È UN PEOPLE BUSINESS
Brand internazionale, network presente in trenta paesi, Translink è focalizzata sul mid-market, con una specializzazione nei deal cross-border. Alla base del modello? I rapporti personali

Capitali coraggiosi
INDACO, VENTURE CROSS TECH
Cinque fondi in gestione e partecipazioni in tutti i settori innovativi: il venture si propone come investitore in aziende late stage.
Parla il managing director Davide Turco
di massimo gaia

Tendenze
LA RIVOLUZIONE DEL PRIVATE CAPITAL DEMOCRATICO
BZH Capital lancia un certificato quotato che ha come sottostante investimenti di private equity, ulteriore passo nel processo di semplificazione dell’accesso agli asset alternativi. Ne abbiamo parlato con il managing principal Edoardo Levy

Il punto
EXOR, IL “MUTAFORMA” DI CASA AGNELLI
Era una scatola legata essenzialmente alla partecipazione in Fiat. È divenuta un’investment company con focus sull’editoria. La possibile cessione di PartnerRe, adesso, apre nuovi scenari. Ripercorriamone la storia recente

Obiettivo legalità
REATO FALLIMENTARE: UN FENOMENO DA ARRESTARE
di alessio del negro

Aaa… Cercasi
La rubrica Legal Recruitment by legalcommunity.it registra questa settimana 8 posizioni aperte, segnalate da 5 studi legali

Food business
IL VINO SECONDO ZANELLA: LA PAROLA MAGICA È TERRITORIO
Mag incontra uno dei grandi protagonisti del rinascimento enologico italiano e racconta la favola di Ca’ del Bosco. Un piano di investimenti di 82 milioni per conquistare nuovi mercati
di francesca corradi

Startup
STEFANO POLATO, UNO CHEF SPAZIALE
Il professionista veneto,alla guida dello Space Food Lab di Argotec,ha rivelato a Mag cosa mangia un astronauta in orbita e le ricadute sul food degli esperimenti nello spazio
di francesca corradi

Calici e pandette
BATASIOLO BOSC DLA REI, DOLCEZZA CANDIDA
di uomo senza loden

Le tavole della legge
IL TEMPIO DEL GUSTO CINESE CON L’HOT POT
di francesca corradi

Software e avvocati, relazione pericolosa?

Scrivi un Commento

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram