venerdì 20 set 2019
HomeIntervistaNuzzolo (Tim): vi racconto il nostro approccio all’efficienza

Nuzzolo (Tim): vi racconto il nostro approccio all’efficienza

Nuzzolo (Tim): vi racconto il nostro approccio all’efficienza

di ilaria iaquinta

Efficientare i servizi legali. Rivedendo la macchina organizzativa interna e il sistema di assegnazione dei mandati esterni. È un mantra per i direttori affari legali. Ma l’approccio al tema può variare da azienda ad azienda. E il mondo finisce con il dividersi tra chi taglia la questione con l’accetta e chi, consapevole dell’importanza dell’accuratezza dell’assistenza legale, è consapevole che spesso tenere sotto controllo i costi legali significa semplicemente «spendere meglio, mantenendo comunque alta la qualità generale del servizio (che non può mai venire meno!)», come dice in questa intervista a MAG Agostino Nuzzolo, general counsel, direttore della funzione legal and tax e segretario del consiglio di amministrazione di Tim.

«Il mercato è in contrazione e i costi legali sono una variabile da tenere sotto controllo». Il manager, già general counsel di Italmobiliare e prima ancora di Italcementi, ha un approccio molto chiaro al tema. Del resto, dal suo ingresso, nel 2017, nell’incumbent è riuscito a sfoltire il budget esterno di circa il 30%, consentendo al gruppo di risparmiare cifre importanti. E comunque, «oggi la nostra spesa legale supera i 10 milioni l’anno», afferma il giurista.

Il tutto è avvenuto in uno scenario di contrazione delle risorse interne, dovuto «a un processo più generale di uscita che ha utilizzato i sistemi di prepensionamento (la legge Fornero prima e Quota 100 oggi), che si è tradotto in una riduzione dell’organico della direzione, e al percorso, non ancora concluso, che porta verso la concentrazione delle risorse in un’unica sede», continua Nuzzolo.

Sono un centinaio in tutto i legali di Tim oggi. Quaranta operano sul territorio, gli altri, dalla sede centrale del gruppo coprono aree di business differenti dividendosi in due macro-funzioni. Una più generale cura gli acquisti e le varie esigenze legali del gruppo. L’altra è quella corporate, che segue la segreteria e le attività societarie.

Efficientare significa, oltre che guardarsi all’interno, vedere cosa succede all’esterno. State rivedendo il sistema dell’assegnazione dei mandati?
Il tema è che abbiamo una mole molto elevata di contenziosi e non potendo sostenere la difesa direttamente coi dipendenti siamo costretti a rivolgerci ai legali esterni. Il vero punto è che si può comprimere ciò che è meno pressante o complesso. C’è un’attività più routinaria e seriale che gestiamo sul territorio, con prossimità rispetto alle funzioni di business, stipulando delle convenzioni per dei “pacchetti di pratiche” a prezzi ridotti.

Quando invece la pratica è più complessa…?
Cerchiamo il miglior legale per quell’attività specifica. Anche lì, l’ulteriore passo avanti è quello di individuare dei partner a cui rivolgersi per le attività e i settori maggiormente peculiari del business. In tutti gli uffici legali, e quindi anche nel nostro, c’è una storia pluriannuale con alcuni fornitori esterni con cui si è creato un rapporto di ripetitività, per cui invece di negoziare ogni volta la fee si stipula un accordo quadro per una certa quantità e durata del rapporto.

Le tariffe che preferite utilizzare sono convenzioni e accordi quadro?
Dipende dal tipo di pratica. Sul contenzioso si prova a fare un forfaitipotetico sull’andamento della causa, non lavoriamo a ore, a volte prevediamo unasuccess fee. Sui progetti importanti e le operazioni di m&a cerchiamo di fare un mix, prevedendo dei compensi fissi per le fasi meno qualificate e delle success feeper le fasi in cui il progetto ha preso forma e comincia a diventare appetitoso. Più o meno sono queste le tariffe, con mille piccole sfaccettature.

Come scegliete i fornitori?
Abbiamo messo in piedi un sistema di valutazione del legale fatto di parametri oggettivi e soggettivi, circa una decina in tutto, per valutare a fine mandato la qualità del lavoro svolto. L’idea è di fare un vendor managementperiodico dal quale creare tre cluster – fascia alta, media e bassa – da cui andare a selezionare i fornitori per qualsiasi tipo di mandato.

Quali sono i criteri?

PER PROSEGUIRE LA LETTURA CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.