mercoledì 25 nov 2020
HomeLitigation - ArbitrationLiti Ip, accordo tra Camera arbitrale di Milano e Wipo

Liti Ip, accordo tra Camera arbitrale di Milano e Wipo

Liti Ip, accordo tra Camera arbitrale di Milano e Wipo

In attesa che i Paesi europei decidano sulla città che ospiterà il Tribunale Unificato dei Brevetti – dopo che Londra è uscita dai giochi per la Brexit – Milano, candidata dal Governo italiano a sede ospitante, diventa teatro di alleanze tra Istituzioni per la tutela della proprietà intellettuale.

Del resto, Milano è la città più innovativa d’Italia. Nel nostro Paese oltre 1 brevetto su 3 viene depositato nel capoluogo lombardo. Infatti, su un totale nazionale di 56.420 domande di brevetto depositate nel 2019, Milano con 19.945 domande e un peso pari al 35,3% rispetto al dato nazionale si attesta la prima provincia italiana per numero di brevetti depositati. Seguono Roma con 14.371 domande (è il 25,4% del totale nazionale) e Torino con 10.283 domande (18,2%). Tra le regioni il primato spetta alla Lombardia, che per numero di domande di brevetto depositate rappresenta il 37,8% del totale nazionale, con 21.477 domande. (Fonte: UIBM-Mise 2019).

Per aiutare le imprese e i professionisti nelle controversie in materia di proprietà intellettuale e tecnologia, la Camera Arbitrale di Milano e il Centro di Arbitrato e Mediazione WIPO (World Intellectual Property Organization Arbitration and Mediation Center), agenzia dell’ONU, hanno siglato un Accordo di collaborazione che promuove lo strumento della mediazione.

La mediazione è la via più vantaggiosa per le parti per arrivare in tempi rapidi all’accordo (anche in 24 ore). In Camera Arbitrale di Milano e in WIPO le parti giungono all’accordo nel 70% dei casi.

Perché ricorrere alla mediazione nelle liti in materia di proprietà intellettuale?

A differenza della causa in Tribunale, la mediazione consente alle parti di mantenere il controllo sul procedimento, sull’esito, sui tempi e sui costi, che sono individuabili in anticipo. La mediazione permette alle parti di scegliere un mediatore, con specifiche competenze nella gestione del conflitto in materia di proprietà intellettuale e tecnologia. La mediazione garantisce il mantenimento della relazione commerciale (spesso si tratta di contratti di durata come la distribuzione, l’agenzia) che verrebbe compromessa da un giudizio, da dove escono vincitori e perdenti (non sempre nei fatti). Si aggiunga poi l’assoluta riservatezza (in alcuni casi, ad esempio quando si dibatte della autenticità di un’opera, rendere pubblica la questione può significare andare incontro a un probabile deprezzamento). Vi è infine la possibilità di discutere di questioni in un’unica sede, mentre, se la questione è portata davanti a un giudice, si potrebbe dover litigare in molteplici giurisdizioni.

Perchè si litiga in materia di marchi e brevetti? Alcune tra le aree maggiormente interessate dalle controversie in materia di proprietà intellettuale e tecnologia sono le licenze di marchi e brevetti, il diritto d’autore e la gestione collettiva del diritto d’autore, contratti di franchising e distribuzione, contratti relativi a software e IT, contratti di produzione e distribuzione di format TV.

 “Gli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie, nell’ambito della tutela della proprietà intellettuale, – ha dichiarato Stefano Azzali, Direttore Generale della Camera Arbitrale di Milano – sono ad oggi ancora poco conosciuti e quindi poco diffusi, ma quando vengono utilizzati dagli avvocati e dalle parti i risultati sono positivi. Per questo insieme a WIPO abbiamo deciso di sottoscrivere un impegno per incentivare l’uso della mediazione, come soluzione più congeniale in controversie dall’alto profilo del know-how e delle competenze specifiche”.

L’Accordo in 4 punti.

Le due istituzioni, la Camera Arbitrale di Milano e il Centro di Arbitrato e Mediazione WIPO:

1) amministrano insieme le procedure di mediazione (sulla base del regolamento WIPO) per le controversie sui temi di proprietà intellettuale e tecnologia, dove una delle parti della lite è straniera;

2) hanno redatto una clausola standard che imprese e professionisti possono usare nei contratti;

3) hanno stilato una lista di mediatori con esperienza specifica;

4) si impegnano a diffondere la mediazione in ambiti ancora tradizionalmente legati al tribunale.

Come funziona la mediazione secondo questo accordo?

Alla mediazione WIPO-Camera Arbitrale di Milano si applica il regolamento di mediazione WIPOhttps://www.wipo.int/amc/en/mediation/rules/che contiene una serie di disposizioni appropriate alle esigenze delle controversie in materia di proprietà intellettuale e tecnologia, ad esempio in tema di riservatezza dei procedimenti.  Inoltre, Il Centro di Arbitrato e Mediazione di WIPO e la Camera Arbitrale di Milano hanno individuato una serie di mediatori specializzati nella risoluzione di controversie che possono essere selezionati dalle parti.

Il Centro di Arbitrato e Mediazione di WIPO e Camera Arbitrale di Milano propongono un modello di clausola (https://www.wipo.int/amc/en/center/specific sectors/adrcollaborations/italy/clauses/index.htmldi mediazione a cui le parti possono fare riferimento nei loro contratti, e un modello di accordo specifico che può essere utilizzato nel caso di controversie già insorte, comprese le controversie in sede giudiziale.

In alternativa c’è la mediazione secondo il decreto legislativo 28/2010 cosa prevede e quali vantaggi? 

Se avere un titolo immediatamente spendibile in Italia può strategicamente convenire alle parti (o a una delle parti, che riesce ad imporre la clausola contrattuale), allora la mediazione potrà essere condotta con i crismi del Decreto Legislativo 28/2010 (e modifiche successive), qualora ne ricorrano i presupposti (competenza del tribunale italiano o clausola contrattuale). Se la procedura si svolge sotto il cappello della normativa italiana in materia di mediazione, le parti potranno ottenere un accordo immediatamente esecutivo a costi più che contenuti.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.