«L’eredità di Tangentopoli»: Il pamphlet di Antonio Bana sui crimini dei colletti bianchi

«L’eredità di Tangentopoli. La trasformazione delle sanzioni nei confronti del crimine dei “colletti bianchi”» è il titolo dell’ultimo volume scritto da Antonio Bana (partner dello studio Bana, nella foto) e pubblicato da ASLA (Associazione Studi Legali Associati) e The Skill Press (casa editrice del Gruppo The Skill).

Il pamphlet riavvolge il filo rosso che parte da Cesare Lombroso e le sue teorie ottocentesche sul “brigantaggio bancario” e, passando per Edwin Sutherland, criminologo padre dell’espressione “white collars”, arriva fino ai giorni nostri. Oggi la criminalità economica – intesa come relazioni tra criminalità organizzata ed economia – è oggetto di studi, dossier e indagini transnazionali.

Con l’introduzione della professoressa Isabella Merzagora, psicologa e docente di Criminologia all’Università degli Studi di Milano, la pubblicazione – inserita nell’ambito dei Quaderni di Storia legale di Asla – alza il velo sulla diffusione, sulla portata e sulla “zona grigia” intorno a questi crimini – riciclaggio, frodi in ambito europeo, corruzione, aggiotaggio – e sulle più aggiornate misure preventive e sanzionatorie, a distanza di trenta anni da Mani Pulite.

Il libro ricostruisce l’evoluzione delle leggi e della giurisprudenza dopo il terremoto di Tangentopoli, stagione particolarmente complessa e travagliata che l’autore e penalista milanese visse da «giovane di studio», aiutando alla preparazione dei più complessi casi al fianco dei due maestri Giovanni e Giuseppe Bana.

Due le novità più importanti. I poteri attribuiti all’Anac, l’Autorità Nazionale Anti-corruzione, di proporre per fatti gravi la sostituzione degli organi societari o addirittura la temporanea gestione straordinaria diretta dell’impresa. E sul piano della prevenzione, gli obblighi imposti sulla responsabilità giuridica dell’ente dalla Legge 231/01 che estende loro la responsabilità amministrativa: mappatura dei rischi, protocolli preventivi, organismo di vigilanza, whistleblowing. Una serie di “red flags” allo sventolare dei quali l’azienda deve reagire. Il lavoro svolto nel pamphlet non tralascia di argomentare sulla questione di assoluta rilevanza in merito alle misure alternative alla detenzione indirizzate “verso la criminalità medio-piccola dell’emarginato sociale”.

«L’eredità di Tangentopoli»:  Il pamphlet di Antonio Bana sui crimini dei colletti bianchi

nicola.dimolfetta@lcpublishinggroup.it

Legalcommunity.it

Prima testata di LC Publishing Group S.p.A. lanciata nell’ottobre 2011, si rivolge a avvocati d’affari, fiscalisti & commercialisti. Si focalizza sul mondo legal, in particolare sull’avvocatura d’affari. Ogni giorno il sito riporta notizie di attualità quali operazioni e relativi advisor, cambi di poltrona, oltre a contenuti di approfondimento e a dati analitici sui trend di mercato.

Inoltre, ogni due settimane, Legalcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram