giovedì 12 dic 2019
HomeAgendaCrisi d’impresa, al via l’Ocri della Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi

Crisi d’impresa, al via l’Ocri della Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi

Crisi d’impresa, al via l’Ocri della Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi

La Camera Arbitrale di Milano, con Camera di commercio, è in prima linea per dare alle imprese una seconda chance. Al via l’OCRI (organismo di gestione per le crisi di impresa) che ha il compito gestire in anticipo la fase di allerta della crisi di impresa, mediare tra debitore e creditore, per garantire la  continuità produttiva dell’impresa.
L’OCRI nasce in ogni Camera di commercio e per Milano Monza Brianza Lodi sarà gestito dalla Camera Arbitrale, società della Camera di commercio, esperta in risoluzione alternativa delle controversie.

Dopo quasi 80 anni cambia la legge sul fallimento (con il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza D.Lgs. n. 14/2019) e, grazie ai nuovi strumenti di prevenzione – diagnosi precoce dello stato di crisi e allerta- si gioca d’anticipo, per evitare l’aggravarsi della situazione aziendale. Già attivo in Camera Arbitrale da fine 2016 l’OCC, l’organismo per gestire il sovraindebitamento di imprenditori e consumatori: 477 casi gestiti in Lombardia in 3 anni. L’OCC potrà aiutare anche a smaltire le pratiche dell’OCRI.

Oggi in Camera Arbitrale al convegno “Crisi di impresa: gestire l’allerta” si è discusso delle nuove opportunità per gli imprenditori in crisi, grazie al nuovo strumento dell’OCRI. Si è parlato di aspetti critici e di soluzioni costruttive nella materia concorsuale per fornire risposte alla collettività. Sono stati affrontati i temi degli indicatori della crisi e degli assetti organizzativi di cui dovranno dotarsi le imprese; della necessità di elevare il livello di diligenza richiesto agli amministratori di società allo scopo, non solo di evitare l’insolvenza, ma di intervenire tempestivamente per attenuarne i costi economici, finanziari e sociali. Soluzioni che l’ordinamento prevede per contrastare la crisi aziendale e valorizzare le opportunità dei nuovi modelli di comportamento  previsti dall’ordinamento.

«La Camera di commercio, con l’istituzione dell’OCRI, l’organismo di gestione delle crisi di impresa che sarà amministrato dalla nostra azienda Camera Arbitrale – ha dichiarato Elena Vasco, Segretario generale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi –  sta lavorando per mettere a punto gli strumenti di soluzione ai problemi derivanti dalla crisi aziendale e per consentire alle imprese di contrastare il persistente stato di incertezza economica che continua ad affliggere il mondo economico e imprenditoriale. La Camera sta già pensando a una lista di esperti di imprese e di ristrutturazioni aziendali, perché il compito è aiutare a risolvere lo squilibrio finanziario, con l’obiettivo di garantire la continuità dell’azienda». 

«La portata innovativa della riforma è prima di tutto culturale. – Ha dichiarato Rinaldo Sali, Vice Direttore  generale della Camera Arbitrale di Milano – Attraverso la gestione dell’allerta e un tempestivo intervento, con l’OCRI e con i professionisti che formeranno il collegio di esperti, vogliamo aiutare le imprese in difficoltà, per evitare che il ritardo nel percepire i segnali di crisi di un’impresa possa portare all’insolvenza. Il nostro obiettivo è  far fare all’imprenditore il suo lavoro, invitandolo ad un tavolo di lavoro per assicurare la continuità produttiva dell’azienda e comporre la crisi con benefici generali per la nostra economia».

Ha dichiarato Marco Dettori, presidente di Assimpredil ANCE e membro di giunta Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: «Puntiamo sulla cultura della prevenzione per le imprese con l’obiettivo di contenere e ridurre le problematiche che possono portare al fallimento. La nuova legge fallimentare ci consente di proporre degli interventi che possano affiancare le attività in difficoltà. Si tratta di un aiuto concreto che rivolgeremo come Assimpredil ANCE anche in modo mirato al settore edilizio».

Le novità della legge: in pillole
L’OCRI.
Cosa è: Organismo di gestione delle crisi di impresa. Nasce grazie al D. Lgs n.14/2019 “Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza”. Ad oggi gli OCRI non sono attivi, verranno istituiti presso ogni Camera di commercio, saranno operativi da agosto 2020. OCRI: a cosa serve: ha il compito di ricevere le segnalazioni, di gestire la fase dell’allerta e comporre la crisi dell’azienda, evitando che si giunga ad una liquidazione giudiziale o controllata. Serve ad aiutare le imprese indebitate, spingendole ad affrontare una ristrutturazione finanziaria prima dell’insolvenza.
Novità della legge: la legge introduce strumenti di allerta per le aziende in stato di crisi. La procedura d’allerta consente la pronta emersione della crisi, nella prospettiva del risanamento dell’impresa e dà priorità alla continuità aziendale favorendo proposte che comportino il superamento della crisi con la composizione assistita della crisi. La procedura può essere attivata in tre modi: 1) dallo stesso imprenditore indebitato (attivazione volontaria) – 2) su segnalazione degli organi di controllo dell’azienda (questi una volta sollecitato l’imprenditore a rientrare dal debito, in caso di inerzia dell’imprenditore, segnala all’OCRI la situazione attivando la procedura di allerta) 3) su segnalazione esterna da parte di soggetti pubblici (INPS, Agenzia Entrate, Agenzia delle riscossioni ex Equitalia) che, quando l’indebitamento dell’azienda supera determinati valori economici, segnalano all’imprenditore lo stato di indebitamento e in caso di sua inerzia attivano l’Ocri.
Audizione dell’azienda: dopo l’attivazione della procedura d’allerta segue l’audizione dell’azienda debitrice presso l’OCRI.
Compiti: l’OCRI ha il compito di ricevere le segnalazioni, gestire il procedimento di allerta e assistere l’imprenditore nel procedimento di composizione della crisi.
Composizione: l’OCRI forma, caso per caso, un collegio di tre esperti: uno designato dal Presidente della CCIAA (dove l’impresa è iscritta) o da un suo delegato, uno designato dal Presidente della sezione imprese del tribunale dove risiede l’impresa, uno designato direttamente dal dirigente responsabile dell’OCRI (Il referente) e individuato negli elenchi trasmessi dalle Associazioni imprenditoriali di categoria del settore di riferimento dell’impresa coinvolta.
Casi di esclusione: le grandi imprese, gruppi di imprese, società con azioni quotate sul mercato.

Altre novità della legge in breve: si sostituisce il termine fallimento con l’espressione “liquidazione giudiziale”; si privilegiano, tra gli strumenti di gestione delle crisi e dell’insolvenza, procedure alternative a quelle dell’esecuzione giudiziale.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.