venerdì 27 nov 2020
HomeScenariAvvocati e Garanzia Italia, deal sotto la lente

Avvocati e Garanzia Italia, deal sotto la lente

Avvocati e Garanzia Italia, deal sotto la lente

di giuseppe salemme

Sono passati sette mesi esatti dall’entrata in vigore di Garanzia Italia. La misura in questione, al tempo tra le più attese di quelle implementate con il Decreto Liquidità (decreto-legge 8 aprile 2020, n.23, convertito con modificazioni dalla legge 5 giugno 2020, n.40), forte dei 200 miliardi stanziati dal governo a supporto dell’impresa italiana, si sta avviando (salvo proroghe) verso la scadenza, attualmente fissata per il 31 dicembre.

La popolarità dello strumento, che permette un accesso al credito agevolato per mezzo della garanzia di Sace e della controgaranzia dello Stato sui finanziamenti (bancari o provenienti da altri soggetti abilitati) è confermata dai numeri: ad oggi, ammonta infatti a 16,1 miliardi il volume totale dei prestiti garantiti, distribuiti su 792 operazioni (788 delle quali avvenute tramite la procedura semplificata che ha consentito l’evasione delle richieste entro 48 ore).

Nemmeno a dirlo, le news sui finanziamenti che hanno usufruito della Garanzia Italia sono state tra quelle più ricorrenti in tutti questi mesi in cui Legalcommunity.it ha raccontato il mercato legale post-Covid; e MAG è come al solito il luogo ideale per mettere insieme i dati raccolti e fare il punto sull’assistenza che gli studi hanno fornito nell’ambito di questo importante programma di aiuti.

Per cominciare, una nota sul valore medio delle operazioni: Sace (nell’ultimo aggiornamento, risalente al 28 ottobre) ha reso noto che praticamente la metà dell’intero importo di finanziamenti garantito (7,8 miliardi di euro) coincide è da ricondurre alle prime quattro operazioni più rilevanti. Il valore medio delle restanti operazioni può quindi essere calcolato intorno ai 105 milioni di euro; e sulla base di questo dato (e del fatto che il valore di gran parte delle operazioni sarà ben inferiore a quello medio), si può avere un’idea di quali siano quelle più rilevanti, tra quelle rese pubbliche.

Cominciamo con il big deal, che è senza dubbio il finanziamento ricevuto dal gruppo…

PER PROSEGUIRE LA LETTURA CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.