venerdì 27 nov 2020
HomeCartolarizzazioniUnicredit: Gop, Paul Hastings e lo studio notarile Busani nell’operazione Sandokan

Unicredit: Gop, Paul Hastings e lo studio notarile Busani nell’operazione Sandokan

Unicredit: Gop, Paul Hastings e lo studio notarile Busani nell’operazione Sandokan

Nome in codice: Sandokan. Si tratta della la cartolarizzazione di un portafoglio crediti da 1,4 miliardi, costituito in piccola parte incagli mentre la gran parte è rappresentata da prestiti in bonis nel settore real estate, al consorzio guidato da Pimco che comprende anche Gwm e la società italiana Roma Finance.

L’ufficalizzazione del closing, come riferito dal Sole 24 Ore, è attesa a breve. ?

UniCredit, secondo quanto risulta a legalcommunity.it, è stata assistita sul piano legale da Paul Hastings che ha agito con un team guidato da Alberto Del Din e formato da Lorenza Talpo, Marc Courtejoie, Annalisa Santini e Fabio Zambito. Il consorzio guidato di Pimco, invece, è stato affiancato dallo studio legale Gianni Origoni Grippo Cappelli e partners con un pool legale formato da socio Stefano Agnoli, dal counsel Domenico Gentile e dal trainee Nicola Tosin per gli aspetti relativi alla cartolarizzazione, dal socio Roberto Cappelli (nella foto) e dalla managing associate Stefania Rossini per gli aspetti corporate e dal socio Fabio Chiarenza e dalla managing associate Francesca Staffieri per gli aspetti fiscali.

Un ruolo cruciale, poi, nel deal lo hanno avuto i professionisti dello studio notarile associato Busani Ridella Mannella che svolto la due diligence delle garanzie che assistevano i crediti oggetto di cessione.
Si è trattato di un’operazione estremamente innovativa, considerato che con essa si è di fatto realizzata un’attività di outsourcing bancaria/finanziaria avente ad oggetto la ricostruzione della “storia giuridica” immobiliare (ipotecaria e anche catastale) degli ultimi 40 anni degli immobili ipotecati a favore di Unicredit.

I notai, in particolare sono quasi sempre partiti da un semplice numero di iscrizione ipotecaria (e quindi senza avere a disposizione il “titolo originario di provenienza”, cioè l’atto notarile di compravendita, ovvero il decreto di trasferimento, o l’operazione societaria, etc., in forza del quale il borrower è divenuto proprietario). Al termine di questa ricostruzione sono stati rilasciate più di 200 relazioni notarili certificate attestanti tutti i “passaggi”, nonché le “formalità giuridiche” degli immobili che si sono susseguiti nell’arco dei 40 anni, con allegata tutta la relativa documentazione reperita nei Pubblici Registri.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.