mercoledì 25 nov 2020
HomeNon categorizzatoTutti gli studi coinvolti nell’integrazione tra Wittur e Sematic

Tutti gli studi coinvolti nell’integrazione tra Wittur e Sematic

Tutti gli studi coinvolti nell’integrazione tra Wittur e Sematic

Dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni antitrust, il 1° aprile 2016 si è conclusa l’operazione di integrazione fra Wittur e Sematic, controllate rispettivamente da Bain Capital e da The Carlyle Group e la famiglia Zappa. L’accordo fra Wittur e Sematic, annunciato l’11 Agosto 2015, ha l’obiettivo di costituire un operatore globale leader nell’industria degli ascensori e dei componenti per ascensori. Latham & Watkins ha assistito The Carlyle Group con un team composto da Stefano Sciolla (nella foto), Giancarlo D’Ambrosio, Giovanni Spedicato, Filippo Benintendi, Rodolfo Gentile, Andrea Stincardini e Silvia Milanese per gli aspetti corporate, Matteo Bay per i profili antitrust e Cesare Milani per gli aspetti regolamentari.
La famiglia Zappa è stata assistita da Chiomenti con un team composto da Carola Antonini, Antonio Sascaro, Damiano Battaglia e Andrea Ricci per gli aspetti corporate e Andrea Giannantonio e Luca Di Nunzio per gli aspetti fiscali. Nella sua assistenza, lo studio Chiomenti è stato affiancato dallo studio Gleiss Lutz per gli aspetti di diritto tedesco e dallo studio Stibbe per gli aspetti di diritto lussemburghese. Bain Capital e Wittur sono stati assistiti da Hengeler Müller, con un team composto da Steffen Oppenlaender, Hans-Joerg Ziegenhain, Benjamin Leyendecker, Thomas Krawiz, e Daniel Engel, e da BonelliErede, con un team coordinato da Eliana Catalano e composto da Giorgia Ferretti per gli aspetti corporate, e da Kirkland Ellis con un team composto da Neel Sachdev, William Gwyn, Christopher Shield e Christian Zuleger, per gli aspetti finance.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.