giovedì 12 dic 2019
HomeNon categorizzatoStudi legali e trasparenza, il coraggio di guardarsi allo specchio

Studi legali e trasparenza, il coraggio di guardarsi allo specchio

Studi legali e trasparenza, il coraggio di guardarsi allo specchio

di nicola di molfetta

Conoscete la differenza tra narrazione e cronaca? Detta in soldoni è quella che passa tra le favole e le cose come stanno.

Ecco, generalmente, quando gli avvocati cominciano a cimentarsi con la comunicazione si fanno prendere dalla tentazione di replicare le gesta di Charles Perrault o dei Fratelli Grimm.

Il rapporto con la verità e i fatti, se si tratta di raccontare se stessi, il proprio lavoro, la gestione dello studio, l’organizzazione dei collaboratori per non parlare del conto economico dell’associazione, tende all’immaginifico: si riempie di aggettivi aulici e purtroppo si svuota di dati e riscontri oggettivi.

La confusione che, ancora oggi, in tanti fanno tra comunicazione e informazione è disarmante.

«Così fan tutti!», dicono alcuni. E noi, per esperienza, ribattiamo che «no, così fan pochi» . La maggior parte di chi decide di fare comunicazione cerca di essere onesto intellettualmente. Chi non è disposto a stare alle regole del gioco, al massimo, dovrebbe restare in silenzio: che senso ha, infatti, pensare di replicare comportamenti e modalità operative ritenute biasimabili?

Spesso, per indicare una best practice, anche quando si parla di comunicazione, siamo costretti a guardare oltreconfine, pur consapevoli che l’esterofilia intrinseca nell’animo di ogni italiano e la disponibilità dei professionisti nostrani a tessere le lodi di sconosciute entità attive a debita distanza raccoglierà interesse ma pochi tentativi di emulazione.

 

 

Stavolta però, la best practice ce l’abbiamo in casa. E ve la raccontiamo nell’intervista che il nostro Giuseppe Salemme ha realizzato con la co-fondatrice di Studio Sza, Marisa Meroni. È la storia del primo report integrato (se volete leggerlo cliccate qui) stilato e pubblicato volontariamente da uno studio legale italiano.

«In un contesto culturale e socio-economico che chiede a tutti i suoi protagonisti non più solo l’adozione di comportamenti etici ma la trasparenza come loro cartina di tornasole, la rendicontazione è il passo successivo con cui i professionisti devono misurarsi», dichiara l’avvocata Meroni nell’introduzione del documento.

C’è tutto. Numeri, fatti, progetti, traguardi e nuovi obiettivi. Tutto nero su bianco. Tutto raccontato senza toni elegiaci ma con continenza e trasparenza. Non è stato facile, ammettono gli avvocati dello studio. Ma è stato possibile.

I soci e i professionisti di Sza hanno avuto il coraggio di guardarsi allo specchio e la capacità di raccontare all’esterno quello che hanno visto, non quello che gli sarebbe piaciuto vedere.

Un esercizio importantissimo che non potrà che rafforzare la loro reputazione sul mercato e la percezione dell’organizzazione che hanno gli stake holder.

Parlando di mercato, gli avvocati non fanno altro che invocare il concetto di valore aggiunto. Ecco, se si guarda alla comunicazione e si vuol provare a pensare a quale possa essere il valore aggiunto legato a questa attività, ormai divenuta strategica per qualsiasi law firm, bisogna guardare esattamente a questo. Informare in maniera trasparente, veritiera e utile.

Qualche giorno fa, un bravo avvocato, socio di un’interessante boutique d’affari mi ha confessato che lui e i suoi soci si sono resi conto che la comunicazione non è più un dato eludibile ovvero un’attività trascurabile se si vuole mantenere o rafforzare il proprio posizionamento di mercato. «Oggi me l’hanno ripetuto tre head hunter, ma tu me l’avevi detto un anno e mezzo fa (l’ultima volta che ci eravamo visti, ndr)» ha ammesso, bontà sua. «Da dove possiamo partire?», mi ha chiesto.

Beh, io suggerirei la lettura di questo report.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.