venerdì 30 ott 2020
HomeCorporate M&AStudi legali, m&a in frenata nel primo semestre

Studi legali, m&a in frenata nel primo semestre

Studi legali, m&a in frenata nel primo semestre

Effetto Covid. Per il mercato m&a il primo semestre 2020 si chiude, a livello globale, con un calo del 32% del numero delle operazioni annunciate e del 52,7% del valore dei deal. Un rallentamento  atteso. Una frenata annunciata da più parti. Anche se ancora in molti si chiedono quanto sarà lunga. Per adesso, il segno che sta lasciando sull’asfalto del mercato è alquanto evidente. Secondo i dati elaborati da Mergermarket, infatti, a livello mondiale il rallentamento dell’attività m&a nel secondo trimestre 2020 rispetto al primo (quando il settore risultava ancora “asintomatico”, si veda il numero 140 di MAG) è rappresentato da un crollo del numero delle operazioni annunciate, passate da 4.308, registrate tra gennaio e marzo, a 2.630. Del pari, si è registrata una pesante riduzione del valore dei deal sceso dagli oltre 592 miliardi di dollari del primo trimestre di quest’anno ai quasi 309 miliardi del periodo aprile-giugno.

I PRIMI 10 STUDI LEGALI PER NUMERO DI OPERAZIONI SEGUITE

Come prevedibile, alcuni dossier sono stati momentaneamente congelati. Mentre altri sono alle prese con un iter quantomeno tortuoso. Uno scenario complesso, in cui l’Italia non fa eccezione.

E gli advisor legali e finanziari se ne sono accorti. Considerati i primi venti player per numero di operazioni annunciate nel corso del semestre, infatti, il 75% delle law firm e il 65% delle banche ha registrato un calo del numero di operazioni seguite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

A soffrire maggiormente sono i cosiddetti big deal. Tra quelli che, al momento, sembrano aver interrotto il proprio cammino c’è la vendita di Partner Re da parte della holding Exor. Un’operazione che, nonostante il dna italiano, non vedeva impegnati advisor tricolori, soprattutto sul piano legale.

Proseguono, invece, le attività sul fronte del mega deal bancario che vede Intesa Sanpaolo impegnata nella ops su Ubi. Con i suoi 4,8 miliardi di euro di valore, è di fatto una delle cinque più grandi operazioni di m&a nel comparto dei servizi finanziari in corso quest’anno a livello mondiale. Qui, più che il coronavirus, a rendere…

PER PROSEGUIRE LA LETTURA CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.