La Spac di Investindustrial porta Zegna a Wall Street. Gli advisor

La Spac Investindustrial Acquisition Corp, presieduta da Sergio Ermotti e fondata da Andrea Bonomi a fine del 2020 per portare le aziende italiane di eccellenza a Wall Street, ha annunciato la business combination con il gruppo Zegna.

Dopo la fusione con la Spac, la famiglia Zegna manterrà il controllo del gruppo con il 62% del capitale. Investindustrial Acquisition Corp e un gruppo di soci deterranno l’11%. La rimanente parte formerà il flottante. L’inizio delle negoziazioni sul NYSE è previsto a fine novembre.

L’operazione rappresenta la prima quotazione di un brand del lusso tramite il meccanismo della Spac. Ha visto Chiomenti e Kirkland & Ellis svolgere il ruolo di advisor legali di Investindustrial Acquisition Corp. Chiomenti ha seguito l’operazione con un team coordinato dai soci Carlo Croff e Luigi Vaccaro, con i senior associate Giovanni Colantuono e Tommaso Caciolli. Gli aspetti fiscali sono stati seguiti dal socio Massimo Antonini e dalla senior associate Elisabetta Pavesi.

Il gruppo Zegna è stato assistito da Sullivan & Cromwell e Cleary Gottlieb, mentre Shearman & Sterling è stato il legal advisor per il collocamento.

In particolare, Cleary Gottlieb agisce in qualità di Italian counsel del gruppo Ermenegildo Zegna con un team composto da Giuseppe Scassellati-Sforzolini, Pietro Fioruzzi e Federico Cenzi Venezze.

Fin dalla sua genesi, l’operazione si è svolta con la regia di UBS Investment Banking tramite il team guidato dal country head per l’Italia di UBS Riccardo Mulone, advisor di fiducia del gruppo Zegna. Insieme a lui hanno lavorato Guido Colonetti e Federico Punzi. Investindustrial è stata invece assistita da Deutsche Bank, Goldman Sachs Bank Europe Succursale Italiana, Jp Morgan Securities Plc e Mediobanca.

redazione@lcpublishinggroup.it

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram