mercoledì 20 gen 2021
HomeEnergyNorton Rose Fulbright con Enel nella partnership con QIA per lo sviluppo delle rinnovabili in Africa subsahariana

Norton Rose Fulbright con Enel nella partnership con QIA per lo sviluppo delle rinnovabili in Africa subsahariana

Norton Rose Fulbright con Enel nella partnership con QIA per lo sviluppo delle rinnovabili in Africa subsahariana

Norton Rose Fulbright ha assistito Enel Green Power (Egp), la società per le rinnovabili di Enel, nell’ambito dell’accordo con Qatar Investment Authority (Qia), il fondo sovrano dello Stato del Qatar, per una joint venture destinata al finanziamento, alla costruzione e alla gestione di progetti rinnovabili in Africa subsahariana.

Norton Rose Fulbright ha agito con un team multidisciplinare guidato e coordinato dal partner Arturo Sferruzza (in foto), capo dei dipartimenti di banking ed energy dello studio di Milano, assistito dal partner Luigi Costa, dalle counsel Elisabetta Negrini e Ginevra Biadico e dall’associate Federica Desiderato. La consulenza in materia di diritto della concorrenza è stata fornita dal partner Jay Modrall e dalla senior associate Violetta Bourt (Bruxelles) e dal director Mark Griffiths (Johannesburg); i director Loris Rech (Johannesburg) e Tina Costas (Durban) hanno seguito i profili di due diligence mentre Jackie Midlane e Stephen Kennedy-Good (Johannesburg) hanno prestato assistenza in merito agli aspetti normativi e societari di diritto sudafricano.

Il team di legali in-house di EGP che ha seguito l’operazione era formato da William Hartert, Head of M&A and Business Development Legal and Corporate Affairs of Global Power Generation, Lena Chirwa, Head of Legal and Corporate Affairs Sub-Saharan Africa e Michalis Tzanetos.

Durante questa prima fase, l’operazione prevede l’acquisizione da parte di QIA del 50% della partecipazione di EGP in quattro progetti in costruzione in Sud Africa e due impianti operativi nello stesso Paese e in Zambia, per una capacità totale pari a circa 800 MW. L’operazione complessiva è condizionata all’approvazione del cambio di controllo e all’approvazione delle competenti autorità antitrust da parte delle istituzioni e delle autorità di regolamentazione competenti. Nell’ambito dell’operazione, EGP e QIA daranno vita a una nuova entità legale per gli sviluppi futuri in Africa subsahariana. A seguito del perfezionamento dell’operazione, si dovrebbe poi procedere a raggruppare tutte le entità legali in un’unica joint venture.

L’accordo prevede che EGP sia responsabile dello sviluppo di ciascun progetto, mentre la joint venture ha il diritto di investire nei progetti a seguito del completamento con esito favorevole della fase di sviluppo da parte di EGP e l’ottenimento di eventuali approvazioni normative richieste. A quel punto, la joint venture si occuperà del finanziamento e della costruzione dei nuovi progetti per le energie rinnovabili.

Quest’operazione è in linea con il Piano strategico 2021-2023 di Enel e rientra nel quadro del modello di business di “Stewardship”, che offre importanti servizi, prodotti o know-how mediante piattaforme che mobilitano gli investimenti da parte di terzi per massimizzare la creazione di valore. EGP, anche attraverso le controllate a livello locale, sosterrà ciascun progetto nella joint venture rispetto alle attività di finanziamento, costruzione ed esercizio.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.