venerdì 27 nov 2020
HomeCorporate M&AMPS, BENESSIA E CLEARY NEL PATTO TRA FONDAZIONE E FONDI SUD AMERICANI

MPS, BENESSIA E CLEARY NEL PATTO TRA FONDAZIONE E FONDI SUD AMERICANI

MPS, BENESSIA E CLEARY NEL PATTO TRA FONDAZIONE E FONDI SUD AMERICANI

Sono gli studi Benessia Maccagno e Cleary Gottlieb quelli che hanno firmato la regia legale dell'operazione che ha portato i fondi sudamericani, Fintech e Btg, ad acquisire rispettivamente il 4,5% e il 2% di Mps precedentemente detenuto dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, guidata da Antonella Mansi (nella foto).
Advisor finanziario, invece, è stata la banca d'affari Lazard.
Sia con l'investment management company di New York riconducibile al messicano David Martinez, sia con l'asset management company basata a Londra e controllata dal gruppo finanziario brasiliano Btg, la Fondazione ha sottoscritto un patto parasociale relativo alla governance di Mps, con limiti di trasferimento delle azioni conferite (lock-up), nonché l'impegno a mantenere la partecipazione complessiva del 9% (il 6,5% dei nuovi entrati e il 2,5% della Fondazione) anche dopo l'aumento di capitale da 3 miliardi che il Monte, assistito da Linklaters, lancerà sul mercato a fine maggio (al deal lavora anche Clifford Chance, ma per il consorzio di banche coinvolto).

Lo schieramento di soci rappresentato da Fondazione, Fintech e Pactual, con circa il 9% complessivo del capitale (a cui potrebbero aggregarsi altri azionisti), al momento di rinnovare la governance della banca, tra un anno, risulterà maggioritario potendo così a norma di statuto esprimere la metà dei consiglieri e di conseguenza assegnare le poltrone più importanti, a cominciare da quella del futuro presidente, mentre l'amministratore delegato sarà scelto dagli altri partner del patto (in accordo con la Fondazione).

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.