domenica 26 mag 2019
HomeScenariLms apre a Londra

Lms apre a Londra

Lms apre a Londra

Roma? In questo momento è una piazza ferma. Meglio investire su Londra. Soprattutto se c’è la possibilità di valorizzare delle professionalità e se si dispone di un business case interessante. Fabio Labruna (nella foto), managing partner di Lms, ha le idee chiare. E pensa in modo pratico. «Essere presenti con una sede a Londra», racconta a MAG, «certifica il carattere internazionale di uno studio legale, inoltre facilita i rapporti con i clienti che sono basati Oltremanica e con i colleghi con cui si collabora».

NAZZINI RESIDENT PARTNER
Ma se Lms ha scelto di aprire la sua prima sede all’estero nella capitale finanziaria d’Europa, non è solo per ragioni d’immagine. Lms Llp nasce («dopo sei mesi di adempimenti burocratici per ottenere la licenza dalla Law Society») attorno a un business case ben definito, legato all’attività del socio Renato Nazzini. Dal 2011 in Lms, Nazzini è professore al Kings College di Londra, conosce bene la piazza, ha forti relazioni locali ed è attivo sul fronte antitrust, litigation e arbitrati. L’avvocato sarà il resident partner dello studio che nella City partirà con un progetto di business incentrato anzitutto sul contenzioso in sede giudiziale e stragiudiziale. Sempre a Londra, infatti, opera il senior counsel Barry E. Hawk. «La base di Londra», racconta ancora Labruna, «servirà anche come polo di aggregazione per i clienti internazionali e nel breve sarà oggetto di nuovi investimenti». Pur rimanendo una sede piccola, infatti, quella londinese dovrebbe arrivare a contare almeno un altro socio e cinque o sei associate. «Se il mercato lo consentirà», dice Labruna, «continueremo a crescere senza però perdere la nostra identità».

IDENTITÀ DEFINITA
Da un paio d’anni, lo studio sembra avere trovato la sua dimensione e la sua identità. Conta circa 50 professionisti e viaggia, secondo le stime di MAG, di poco superiore ai dieci milioni. Lms, dopo l’uscita dei soci romani (passati in Lombardi Molinari a inizio 2014, si nera il numero 1 di MAG), è rimasto uno studio full service ma concentrato in tre aree di attività specifiche, a cominciare dal private equity. Nel corso dell’ultimo anno, lo studio ha assistito,…

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI E SCARICA LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.