martedì 29 set 2020
HomeAmministrativoGare pubbliche: il mark up pari a zero non rende inattendibile l’offerta

Gare pubbliche: il mark up pari a zero non rende inattendibile l’offerta

Gare pubbliche: il mark up pari a zero non rende inattendibile l’offerta

L’esistenza dell’utile aziendale può essere ricavata e dimostrata, anche a fronte di un mark-up pari a zero, da altre componenti dell’offerta. La stazione appaltante, prima di esprimere un giudizio di inattendibilità dell’offerta, è dunque tenuta a valutare tali componenti. In base a questo principio, in adesione alle tesi presentate dagli avvocati Damiano Lipani, Francesca Sbrana (nella foto) e Giorgio Lezzi, dello studio Lipani Catricalà & Partners, il Consiglio di Stato, con ordinanza del 27 ottobre scorso, ha accolto l’appello cautelare presentato dalla Società Gi Group, in riforma dell’ordinanza n. 1593/2015 resa sul punto dal Tar Campania.

All’origine della vicenda giudiziaria, l’esclusione della Società Gi Group dall’affidamento, secondo il criterio del prezzo più basso, del servizio di “selezione e fornitura di personale da impiegare con contratto di lavoro a tempo determinato presso Adisu per due anni”.

Per Adisu L’Orientale – Azienda per il Diritto allo Studio, l’offerta di Gi Group, avendo previsto un mark-up (vale a dire aggio d’agenzia) pari allo 0,00 per cento sul valore dell’appalto, doveva ritenersi inattendibile, a prescindere dalla verifica di anomalia. La stazione appaltante aggiudicava, peraltro, l’appalto alla società Lavorint che aveva, invece, offerto un mark-up dello 0,01 per cento. Al riguardo, il Consiglio di Stato ha sottolineato che “rispetto alla percentuale di aggio la differenza tra l’offerta dell’appellante e quella della controinteressata è minimale e certamente tale da non giustificare il diverso trattamento riservato alle due offerte”.

Secondo i legali dello studio Lipani Catricalà & Partners, nelle procedure finalizzate all’individuazione di un’agenzia operante nel settore della somministrazione di lavoro, il mark-up – che costituisce voce da sommare al corrispettivo di somministrazione – non è l’unico elemento idoneo a determinare l’utile di impresa, potendo gli operatori del settore conseguire la propria remunerazione in ragione di altri fattori, ricompresi nel costo del lavoro.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.