martedì 24 nov 2020
HomeCorporate M&ACARBONETTI E GRANDE STEVENS NELL’OPA SU ETRURIA

CARBONETTI E GRANDE STEVENS NELL’OPA SU ETRURIA

CARBONETTI E GRANDE STEVENS NELL’OPA SU ETRURIA

Assistita da Massimo Tesei dello studio Carbonetti, Banca Popolare di Vicenza ha annunciato la propria disponibilità a lanciare un’Opa sulla Banca popolare dell’Etruria e del Lazio a 1 euro per azione. L’operazione, si legge in una nota, è subordinata alla valutazione positiva del cda della Bpel, che ha tempo fino al 12 giugno per rispondere. Banca Etruria, invece, è assistita da un pool legale formato dagli studi Grande Stevens, che agisce con un team guidato da Michele Briamonte (nella foto), Portale Visconti e Scotti Camuzzi.
Advisor finanziari dell’operazione, invece, sono Rothschild, Lazard e Kpmg.

L’offerta, si legge in un comunicato diffuso da Pop Vicenza, integra un premio implicito del 25,8% rispetto al prezzo ufficiale di Borsa del 27 maggio scorso, pari a 0,7949 euro. L’Opa sarà considerata di successo se il numero delle azioni apportate sarà tale da consentire al Gruppo Bpvi di detenere una partecipazione superiore al 90% del capitale sociale ordinario di Bpel e quindi di procedere al delisting dell’istituto laziale. Bpel sarà anche trasformata da società cooperativa in società per azioni. Sotto il profilo industriale e di governance, «l’integrazione tra i due Gruppi si porrebbe in una logica di valorizzazione delle professionalità e delle specificità locali di Bpel nonché di attenzione alla sua base sociale. In particolare: Bpel rappresenterebbe il principale presidio della presenza del Gruppo Bpvi nelle regioni dell’Italia centrale; l’integrazione si baserebbe sulla condivisione del principio cardine della rispettiva mission rappresentato dal caratterizzarsi quali banche del territorio e dalla logica di servizio alle economie locali, con l’obiettivo di mantenere i livelli occupazionali; saranno contemperati, attraverso adeguati strumenti di governance, l’esigenza e opportunità di avere un governo accentrato del Gruppo per il presidio dei rischi ed il conseguimento delle sinergie, con la valorizzazione delle peculiarità dei territori e del rapporto con la clientela di Bpel».

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.