martedì 10 dic 2019
HomeEventiLa realtà dell’arbitrato: report dalla decima conferenza annuale della Cam

La realtà dell’arbitrato: report dalla decima conferenza annuale della Cam

La realtà dell’arbitrato: report dalla decima conferenza annuale della Cam

Oggi, 29 novembre 2019, è stato il giorno della decima conferenza annuale della Cam – Camera Arbitrale di Milano. L’evento, di cui Legalcommunity è media partner, ogni anno mette a confronto oltre 100 professionisti dell’arbitrato, per analizzare lo stato dell’arte dell’istituto e le sue prospettive future.

L’edizione di quest’anno è stata intitolata “Arbitration in wonderland“, ed è stata incentrata sulla necessità di colmare il gap che molto spesso esiste tra aspettative sull’arbitrato e realtà concreta. Al dibattito hanno partecipato come relatori Stefano Azzali (direttore generale, Camera Arbitrale di Milano, Italia), Sébastien Besson (Lévy Kaufmann-Kohler, Svizzera), Susanne Grop-Stadler (Siemens, Germania), Paula Hodges QC (Herbert Smith Freehills, Uk), Cesare Jermini (Bär & Karrer, Svizzera), Luca Radicati di Brozolo (Arblit, Italia), Laurence Shore (BonelliErede, Italia).

Un po’ di numeri: la Camera Arbitrale di Milano negli ultimi 5 anni ha gestito 236 procedimenti internazionali tra arbitrati e mediazioni. È di quasi 7 milioni di euro il valore medio annuo delle controversie arbitrali. In media in 13 mesi si arriva a una decisione. Si ricorre all’arbitrato nel 27,7% dei casi per motivi societari, nel 17% per appalti, nel 9,2% fornitura e nel 7% per vendita o cessione del ramo d’azienda. In Camera Arbitrale di Milano cresce di 10 punti percentuali la presenza di arbitri di sesso femminile nominati dalla stessa Camera passando dal 17,3% del 2015 al 27,5% del 2018.

Presentati durante i lavori della conferenza i risultati di un’indagine svolta dalla Queen Mary University di Londra, insieme alla sua Scuola di Arbitrato Internazionale. Schiaccianti alcuni dati emersi: il 99% degli intervistati, tra arbitri, legali d’azienda e professionisti a livello globale, raccomanda l’arbitrato per risolvere controversie con caratteri di internazionalità. Caratteristiche particolarmente apprezzate sono l’esecutività del lodo, la flessibilità e la possibilità per le parte di scegliere gli arbitri, insieme a riservatezza e imparzialità; meno apprezzate la velocità e il costo. Tra le note dolenti delle procedure arbitrali, prevalgono la mancanza di sanzioni durante il processo e la mancanza di forza cogente verso i terzi.

Sull’ultimo numero di MAG, a questo link, l’intervista al direttore generale della Cam – Camera Arbitrale di Milano, Stefano Azzali.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.