Antitrust: Chieppa, AGCM e giudice civile devono collaborare per potenziare la procedura di private enforcement

È importante che il giudice civile e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) l’importanza di cooperazione tra nell’ambito dell’antitrust private enforcement.

Né è convinto Roberto Chieppa, segretario generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e presidente di sezione del Consiglio di Stato, intervenuto alla XIII edizione del convengo Antiturst fra diritto nazionale di diritto dell’Unione Europea, organizzato da Rucellai & Raffaelli a Treviso, presso la Casa dei Carraresi.

Ed è importante, continua Chieppa, potenziare la procedura di private enforcement.

In un’ottica di supporto e assistenza al giudice al fine di assicurare una piena effettività al private enforcement, Chieppa evidenza i tratti salienti (e le relative limitazioni) della disciplina europea e nazionale relativa alle azioni risarcitorie promosse a seguito dell’accertamento di violazioni delle norme a tutela della concorrenza. Gli aspetti principali rilevati sono: la possibilità di accesso da parte dei giudici nazionali alle prove contenute nei fascicoli dell’Autorità; la previsione dell’efficacia vincolante delle decisioni dell’Autorità divenute definitive (anche nella prospettiva degli effetti di tale riconoscimento); le disposizioni normative e gli aspetti legati alla cooperazione nella quantificazione del danno.

Chieppa riflette sull’impatto delle disposizioni sulla prassi seguita dall’Autorità italiana. In particolare, prospetta alcune soluzioni volte a un efficace miglioramento degli strumenti di cooperazione tra i giudici ordinari e le autorità antitrust nazionali/europee, con particolare riferimento alla figura dell’amicus curiae. A tal riguardo, il relatore ha ricordato la recente esperienza dell’Autorità nell’ambito del giudizio dinnanzi al Tribunale di Roma promosso da Uber contro le lobby dei tassisti.

Antitrust: Chieppa, AGCM e giudice civile devono collaborare per potenziare la procedura di private enforcement

rosailaria iaquinta

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram