Antitrust: Chieppa, AGCM e giudice civile devono collaborare per potenziare la procedura di private enforcement

È importante che il giudice civile e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) l’importanza di cooperazione tra nell’ambito dell’antitrust private enforcement.

Né è convinto Roberto Chieppa, segretario generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e presidente di sezione del Consiglio di Stato, intervenuto alla XIII edizione del convengo Antiturst fra diritto nazionale di diritto dell’Unione Europea, organizzato da Rucellai & Raffaelli a Treviso, presso la Casa dei Carraresi.

Ed è importante, continua Chieppa, potenziare la procedura di private enforcement.

In un’ottica di supporto e assistenza al giudice al fine di assicurare una piena effettività al private enforcement, Chieppa evidenza i tratti salienti (e le relative limitazioni) della disciplina europea e nazionale relativa alle azioni risarcitorie promosse a seguito dell’accertamento di violazioni delle norme a tutela della concorrenza. Gli aspetti principali rilevati sono: la possibilità di accesso da parte dei giudici nazionali alle prove contenute nei fascicoli dell’Autorità; la previsione dell’efficacia vincolante delle decisioni dell’Autorità divenute definitive (anche nella prospettiva degli effetti di tale riconoscimento); le disposizioni normative e gli aspetti legati alla cooperazione nella quantificazione del danno.

Chieppa riflette sull’impatto delle disposizioni sulla prassi seguita dall’Autorità italiana. In particolare, prospetta alcune soluzioni volte a un efficace miglioramento degli strumenti di cooperazione tra i giudici ordinari e le autorità antitrust nazionali/europee, con particolare riferimento alla figura dell’amicus curiae. A tal riguardo, il relatore ha ricordato la recente esperienza dell’Autorità nell’ambito del giudizio dinnanzi al Tribunale di Roma promosso da Uber contro le lobby dei tassisti.

Antitrust: Chieppa, AGCM e giudice civile devono collaborare per potenziare la procedura di private enforcement

rosailaria iaquinta

Legalcommunity.it

Prima testata di LC Publishing Group, lanciata nell’ottobre 2011, si rivolge a avvocati d’affari, fiscalisti & commercialisti. Si focalizza sul mondo legal, in particolare sull’avvocatura d’affari. Ogni giorno il sito riporta notizie di attualità quali operazioni e relativi advisor, cambi di poltrona, oltre a contenuti di approfondimento e a dati analitici sui trend di mercato.

Inoltre, ogni due settimane, Legalcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram