mercoledì 25 nov 2020
HomeLibraryI licenziamenti individuali nei principali paesi della Unione Europea

I licenziamenti individuali nei principali paesi della Unione Europea

I licenziamenti individuali nei principali paesi della Unione Europea

Informazioni
Autore: Franco Toffoletto
Data di pubblicazione: Giovedì 14 Febbraio 2013
Lingua: Italiano
Numero di pagine: 87
In questo numero

Ormai, da molti anni, si discute sulla disciplina dei licenziamenti in Italia ed in particolare della necessità di modificare l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, che, come è noto, stabiliva come l’unico rimedio in caso di licenziamento illegittimo fosse la reintegrazione nel posto di lavoro, oltre al risarcimento del danno pari a tutte le retribuzioni comprese tra data del licenziamento e l’ordine di reintegrazione, senza limiti. Altrettanto noto è il fatto che tale norma trovi applicazione soltanto per le aziende che occupino più di 15 dipendenti nella singola unità produttiva o più di sessanta sul territorio nazionale. Per le aziende che invece non soddisfano tali requisiti, il rimedio per il caso di un licenziamento illegittimo è, di fatto, soltanto il pagamento di un importo, a titolo di risarcimento del danno, compreso tra due mensilità e mezzo e sei mensilità, fino ad un massimo di dieci.

Nella pubblicazione si esamina la giurisprudenza di alcune delle più significative giurisdizioni alla luce del know now tecnico giuridico e dell’esperienza concreta dell’autore.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.