Home > Bees

Milano Notai

Dal cuore della finanza italiana, Milano Notai propone un approccio internazionale al business.

Giovannella Condò e Monica De Paoli, cofondatrici e socie da 15 anni, insieme ad un team di professioniste (tutte donne, età media sotto i 40 anni), hanno una riconosciuta esperienza in: diritto commerciale e societario, real estate e fondi di investimento immobiliare, banking e project finance, Non Profit, successioni e Trust, escrow agent e escrow agreement.

Milano Notai offre la sua consulenza a banche, istituzioni finanziarie, fondi immobiliari, fondi di private equity e di venture capital. Assiste società e privati, in ambito nazionale ed internazionale. Milano Notai collabora con i più noti studi legali, di commercialisti, fiscalisti e professionisti del settore immobiliare, in Italia e all’estero, per offrire una consulenza completa ai propri clienti.

Milano Notai è associato con The British Chamber of Commerce for Italy, Italia start up e Il trust in Italia.

Gli ultimi articoli

Categorie di azioni e nomina degli organi sociali

Il notariato si è più di una volta espresso a favore della possibilità, nelle S.p.A., di introdurre nello statuto clausole che attribuiscano a una o più categorie di azioni il diritto di nominare uno o più componenti del consiglio di amministrazione e degli organi di controllo.

Argomentano in tal senso la massima n. 142 del 19 maggio 2015 della Commissione Società del Consiglio Notarile di Milano, e la massima n. 15 del 2010 del Consiglio Notarile di Firenze, Pistoia e Prato.


S.r.l.: lock up senza recesso anche oltre i due anni

La Commissione Società del Consiglio Notarile di Milano, con la massima n. 152 del 17 maggio 2016, ha chiarito alcuni dubbi interpretativi sulle clausole di intrasferibilità delle partecipazioni sociali nelle s.r.l.

Secondo tale massima, è legittimo  introdurre nello statuto di una s.r.l. una clausola che, in presenza di un divieto temporaneo di trasferimento di quote, anche per un periodo superiore a due anni, esclude la facoltà di recesso per l'intero periodo di intrasferibilità.


Finanziamenti: il mandato a vendere come strumento di garanzia

Nel precedente bee abbiamo esaminato la nuova disciplina (articolo 48-bis del T.U.B.) che consente alle banche e ad altri soggetti autorizzati di concedere finanziamenti alle imprese garantiti dal trasferimento di un bene immobile, o di altri diritti immobiliari, sospensivamente condizionato all’inadempimento del debitore.

Ne abbiamo anche valutato le principali criticità.


Finanziamenti: il patto marciano nel nuovo articolo 48-bis del T.U.B.

Il decreto legge 59/2016 ha introdotto nel Testo Unico Bancario la possibilità, per banche o altri soggetti autorizzati, di concedere finanziamenti alle imprese garantiti dal trasferimento di un bene immobile, o di altri diritti immobiliari, sospensivamente condizionato all’inadempimento del debitore.


Imposta sostitutiva e rifinanziamenti: il sì di un recente interpello

Con un recente interpello l’Agenzia delle Entrate si è espressa a favore dell’applicabilità del regime agevolato dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine anche nei casi in cui la provvista venga in gran parte impiegata per l’estinzione di debiti pregressi.

Il caso sottoposto all’Agenzia delle Entrate riguardava un finanziamento da erogare a favore di una società perché potesse rimborsare un finanziamento soci precedentemente ottenuto.


Scissione con attribuzione di beni immobili alla beneficiaria per usufruire delle agevolazioni fiscali

Con la risoluzione n. 101/E del 3 novembre 2016 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non costituisce abuso del diritto, sotto l’aspetto fiscale, una scissione societaria con le seguenti caratteristiche:

- mantenimento in capo alla società scissa di partecipazioni societarie e altri elementi patrimoniali;

- attribuzione alla società beneficiaria di tutti i beni immobili locati a terzi;

- trasformazione della beneficiaria in società semplice, per usufruire delle relative agevolazioni fiscali.

 


Acquisto di azioni proprie a seguito di recesso del socio

L’art. 2357 c.c. dispone che l’acquisto di azioni proprie sia autorizzato dall’assemblea. Ma vale lo stesso in caso di recesso del socio?

L’art. 2437-quater c.c. disciplina l’iter di liquidazione delle azioni recedute e deroga espressamente, in caso di acquisto delle azioni da parte della società, al limite di un quinto del capitale, imposto dall’art. 2357, comma terzo. Non menziona gli altri limiti, tra cui la necessità di autorizzazione.


Startup e crisi di impresa

La crisi di impresa non spaventa le startup innovative. Anche in tale ambito il legislatore riserva loro infatti un trattamento di favore.
 
Tale tipo sociale non è assoggettato ad alcuna procedura concorsuale, ad eccezione dei procedimenti di composizione della crisi da sovraindebitamento e di liquidazione del patrimonio, previsti dalla legge n. 3 del 2012, in forza del richiamo ex art. 31 del D. Lgs. 179/2012.
 

La nuova disciplina del bilancio

Il D. Lgs. 139/2015, recepimento della direttiva 2013/34/CE, ha cambiato volto al bilancio di esercizio e modificato diverse norme del codice civile. Le nuove previsioni trovano applicazione a partire dagli esercizi finanziari iniziati il 1° gennaio 2016.

La nuova disciplina ha modificato gli schemi di bilancio, abolito i conti d’ordine, previsto delle modifiche ai principi di redazione e valutazione, integrato le semplificazioni per la redazione del bilancio in ragione delle dimensioni dell'impresa. 


La disciplina dei versamenti personalizzati: le riserve targate

La prassi conosce una vasta gamma di versamenti non imputati a capitale, che comportano un incremento del patrimonio netto. 


Informazioni

Website:Link
Numero Professionisti:15
Numero Partners:2

Sedi